/// Invia un contenuto >>

2 GIUGNO: IN SICILIA LA FESTA VALE UN PO’ MENO

2 Giugno 2021

Rino Piscitello

Indebolita da un divario che ci rende cittadini di serie B

Il nostro giornale nei giorni di festa non va in pubblicazione.

Oggi però abbiamo deciso lo stesso di pubblicare.

Perché la sensazione che abbiamo è che in Sicilia questa festa vale un po’ meno.

Non è una scelta ideologica.

Lo abbiamo detto più volte: ci sentiamo siciliani, italiani ed europei.

E normalmente i siciliani non si sentono meno italiani, anzi forse esagerano.

La squadra di calcio, l’inno, le tante piccole cose che ti danno il senso di appartenenza, in Sicilia hanno sempre un po’ di enfasi in più.

Ma noi abbiamo il dovere di essere realisti.

Troppo grande è il divario economico, sociale, infrastrutturale per non sentirci cittadini di serie B.

Troppi i primati negativi nelle statistiche tra le regioni italiane in termini di povertà, disoccupazione, sviluppo economico, infrastrutture, abbandono scolastico, servizi sanitari, asili e così via.

Troppo silenzio ad esempio sulla necessità di realizzare il Ponte sullo Stretto.

Sì. Questa festa da noi vale un po’ meno perché così hanno deciso quelli che pensano che siamo noi siciliani che valiamo un po’ meno.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione