/// Invia un contenuto >>

APPROVATO DALL’ARS L’ESERCIZIO PROVVISORIO DELLA REGIONE

20 Gennaio 2021

Rino Piscitello

Sblocca una spesa di 231 milioni

L’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato, su proposta del Presidente della  Regione, On. Nello Musumeci e dell’assessore per l’Economia Gaetano Armao l’esercizio provvisorio per il 2021, che autorizza lo sblocco della spesa regionale per circa 231 milioni di euro fino al 28 febbraio, data entro la quale dovrà essere approvato il bilancio di previsione e la legge di stabilità per il 2021.

Si tratta della prima applicazione dell’intesa conclusa con lo Stato il 14 gennaio scorso. 

Oltre a sbloccare le spese di funzionamento della Regione Siciliana, la legge sull’esercizio provvisorio finanzia in dodicesimi la spesa degli enti pubblici regionali, i contributi per la gestione di parchi e riserve naturali, consente il pagamento della  quarta trimestralità relativa alle spese di funzionamento degli enti locali siciliani oltre a riattivare una serie di servizi essenziali come i contributi ai portatori di disabilità e per le modalità di contrasto al COVID 19.

Interventi sono previsti anche in favore dei teatri, musei ed altre attività culturali oltre alle attività sportive e turistiche.

La legge approvata istituisce, presso la Regione Siciliana, il Collegio dei Revisori dei Conti, organo di controllo contabile che consentirà la verifica sulla spesa regionale.

Con l’approvazione dell’esercizio provvisorio il Governo dovrà compiutamente definire le misure del piano di risanamento e di riqualificazione della spesa in attuazione dell’accordo stipulato con il Governo nazionale.

Nel successivo dibattito sui termini dell’accordo con il Governo nazionale, l’Assessore all’Economia, Gaetano Armao, in risposta alle questioni sollevate dall’opposizione, ha ribadito la piena disponibilità del Governo a confrontarsi su tutti i temi a partire dal negoziato con lo Stato. Questa partita la vinciamo, prima e meglio, se ci raccogliamo tutti insieme come siciliani attorno a un’idea di rilancio delle nostre prerogative statutarie. Ma non siamo disposti – ha concluso Armao – a farci dare lezioni da chi ha sostenuto il Governo Crocetta che ha svenduto la Sicilia.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione