/// Invia un contenuto >>

BOICOTTARE GLI ESTREMISTI, NON ISRAELE

12 Aprile 2024

Francesco Cimò

Anche in Sicilia una ventata estremista di poche centinaia di studenti pretende di boicottare Israele e chiede l’interruzione dei rapporti delle nostre università con quelle israeliane.

Non hanno chiesto di farlo con la Russia, né con l’Iran. Solo con Israele.

Alcune università italiane hanno accettato il ricatto e l’oggettiva minaccia costituita dalla pressione delle manifestazioni che in alcuni casi sono arrivate anche agli scontri con la polizia.

Le università siciliane con i loro rettori hanno detto di non essere disponibili a boicottare Israele ad interrompere gli accordi e gli scambi culturali e di ricerca con le università israeliane.

La bandiera di Israele proiettata sul Palazzo della Regione Siciliana il 7 ottobre dopo il massacro di migliaia di israeliani da parte di Hamas

Vorremmo dirlo senza infingimenti e ipocrisie.

Gli studenti e i ricercatori che protestano e chiedono l’interruzione di accordi e scambi con le università israeliane non rappresentano in alcun modo la maggioranza degli studenti e sono anzi solitamente una piccola minoranza estremista che pretende vengano accettate le proprie richieste.

Continuano peraltro ad usare il termine genocidio, compiendo un gravissimo errore, e di fatto assumendo posizioni che rischiano di assumere connotazioni antisemite.

Sono gli estremismi che occorre boicottare e non Israele.

Il 7 ottobre ha rappresentato la barbarie degli assassini di Hamas che hanno ucciso, stuprato, torturato e infine rapito con episodi di crudeltà indescrivibili.

Tutti vogliamo che si arrivi ad un cessate il fuoco a Gaza. Che i rapiti tornino in Israele e gli assassini del 7 ottobre siano puniti e messi al bando.

E che si arrivi finalmente all’ipotesi di due popoli e due stati con la piena garanzia per la sopravvivenza e la sicurezza per entrambi i popoli.

Non si accettino quindi pressioni di alcun tipo da parte di pochi estremisti e le università siciliane continuino a tutelare accordi e scambi con le università israeliane.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione