/// Invia un contenuto >>

CARO VOLI CONFERMATA INCHIESTA ANTITRUST SU ALGORITMI

11 Dicembre 2023

Redazione

Dopo la cattiva notizia dell’archiviazione da parte dell’Antitrust (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) delle denunce sul caro voli relative all’ipotesi di cartello tra alcune compagnie aeree, arriva finalmente una buona notizia.

Sembra ormai definitivamente confermato che l’Antitrust ha deciso di aprire una nuova indagine sugli algoritmi che le compagnie aeree utilizzano per determinare i prezzi.

Obiettivo è comprendere se gli algoritmi contribuiscono in modo negativo a favorire equilibri di mercato non concorrenziali e approfondire come vengono rese note le modalità di prezzo.

La nuova indagine scaturisce dai nuovi poteri che il decreto Asset, su iniziativa del Ministro Urso, ha assegnato all’Antitrust.

 Il decreto Asset, approvato ai primi di ottobre, riconosce all’Antitrust ampi poteri istruttori e sanzionatori, e il compito di vigilare su pratiche anticoncorrenziali. In particolare, di fronte a condotte restrittive della concorrenza o abuso di posizione dominante da parte delle compagnie aeree, attuate con tecniche algoritmiche e con riferimento alle rotte insulari soprattutto nei periodi di picco della domanda o di emergenza nazionale, l’Antitrust può avviare accertamenti a tutela del libero mercato e del consumatore, utilizzando come indicatore l’aumento delle tariffe del 200%.

Il decreto vieta anche la profilazione degli utenti o la loro discriminazione sulla base del dispositivo adoperato per effettuare la prenotazione.

Sembra che su questo fronte le possibilità di limitare le compagnie aeree sia certamente superiore e molto più documentabile.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione