/// Invia un contenuto >>

LA CASA DEL GIUDICE LIVATINO DIVENTA CASA DELLA MEMORIA

22 Dicembre 2020

Redazione

Immutata dalla morte del giudice, ucciso dalla mafia 30 anni fa

casa giudice livatino

Il giudice Rosario Livatino fu ucciso dalla mafia il 21 settembre del 1990 mentre si recava in tribunale senza scorta e a bordo della sua vecchia Ford Fiesta.

La sua casa a Canicattì in via Regina margherita 166 è rimasta da quel giorno immutata per volere dei genitori del giudice e poi dei suoi eredi.

L’Associazione Nazionale Case della Memoria ha scelto di inserire la casa del Giudice Livatino tra le Case della Memoria, dimore situate in tutta Italia e appartenute a personaggi noti.

Il giovane magistrato siciliano, ucciso all’età di 38 anni, era profondamente credente e per lui è stata avviata la causa di beatificazione.

L’inserimento tra le Case della Memoria rafforza il ricordo di un esempio per tutti i siciliani.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione