/// Invia un contenuto >>

COALIZIONI SPACCATE ALLE COMUNALI IN SICILIA

17 Settembre 2021

Rino Piscitello

Dappertutto proliferano le liste civiche

In Sicilia le elezioni amministrative si terranno il 10 e l’11 ottobre 2021 (una settimana dopo che nel resto d’Italia) e coinvolgeranno 13 comuni con il sistema proporzionale per circa 410.000 abitanti e 29 comuni con il sistema maggioritario per circa 160.000 abitanti.

In totale 42 comuni con circa 570.000 abitanti. Il 12% della popolazione dell’isola.

Nei 13 comuni con il sistema proporzionale, il centrosinistra è unito in 6, mentre il centrodestra soltanto in 2 (Caltagirone e Vittoria).

Nel resto dei comuni vi sono le alleanze più disparate fino ad arrivare anche ad accordi innaturali come a Noto dove con disinvoltura un candidato sindaco di sinistra è sostenuto contemporaneamente dal PD, da due liste di estrema sinistra, nonché da Forza Italia e dall’UDC.

Poi è tutto un proliferare di liste civiche favorite da un sistema elettorale che rende conveniente al candidato sindaco di farsi affiancare da numerose liste, anche se queste non arrivano al 5% (soglia limite per entrare in Consiglio).

Prima o poi occorrerà riflettere sulle conseguenze nefaste di questo sistema elettorale che indebolisce fortemente i partiti e rende la partecipazione politica una variabile indipendente rispetto alle coalizioni.

E questo vale per entrambe le coalizioni, ma soprattutto per quella del centrodestra che, essendo più forte, ha certamente molto più da perdere.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione