/// Invia un contenuto >>

COVID: LE REGOLE CAMBIANO SEMPRE A FAVORE DI QUALCUNO

12 Maggio 2021

Francesco Cimò

E alla Sicilia manca sempre un pelo

Non vorremmo apparire come quelli che si sentono perseguitati, ma crediamo ci sia il bisogno di segnalare che troppe volte le regole sono state modificate giusto in coincidenza di interessi contrari della Sicilia.

Una serie di coincidenze sfortunate.

Qualche mese orsono, la Sicilia era in procinto di diventare zona gialla, a differenza di quasi tutta Italia che si trovava in zona arancione.

Si trattò sicuramente solo di sfortuna, perché in quell’occasione vennero addirittura abolite le zone gialle.

In più occasioni, alla Sicilia è mancato un pelo per poter usufruire di condizioni migliori e in quelle occasioni, purtroppo, le regole non sono mai cambiate.

La settimana scorsa non siamo entrati in zona gialla perché la settimana prima avevamo sforato di solo due punti decimali il più stupido degli indicatori, ossia l’Rt sui contagi e dallo sforamento devono passare almeno due settimane.

Ci hanno spiegato quanto importante e intelligente fosse quell’indicatore e noi, con paziente rassegnazione, abbiamo abbozzato.

Questa settimana la Sicilia tornerà in zona gialla avendo rispettato tutti gli indicatori ma, secondo le regole, quasi certamente, Lombardia e Piemonte sarebbero dovute tornare in arancione.

Guarda caso, però, l’indicatore Rt adesso è diventato stupido (peraltro lo è davvero, ma lo sapevano anche prima) e quindi va cambiato con un altro indicatore che non tenga conto della velocità dei contagi, bensì dei ricoveri ospedalieri.

La conseguenza è che Lombardia e Piemonte restano gialle.

Solo questione di fortuna.

Nun è ca ppi casu c’è qualichidunu ca ni leva ‘a nnucchiatura?

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione