/// Invia un contenuto >>

CUFFARO RIMANE CON IL CERINO IN MANO

TUTTI VORREBBERO I SUOI VOTI MA NESSUNO PUÒ DARGLI OSPITALITÀ

16 Aprile 2024

Rino Piscitello

Totò Cuffaro

Il leader della DC, Totò Cuffaro, ha esaurito tutti i tentativi di partecipare con propri candidati alle prossime elezioni europee.

Nessuno è disponibile a pagare il prezzo di un’alleanza che sul piano elettorale rischia di costare più del guadagno.

L’operazione isolamento politico è perfettamente riuscita.

In ogni situazione Cuffaro riesce a cadere in piedi; ma lo sbarramento delle europee questa volta gli ha fatto fare uno scivolone non indifferente.

Ci ha provato con Forza Italia, poi con Renzi, poi con la Lega, poi di nuovo con Forza Italia e con Noi Moderati. Ma tutti i tentativi sono andati a vuoto.

Persino la speranza che Noi Moderati cambiasse il candidato per individuarne uno comune non ha funzionato.

L’inspiegabile rinuncia di Antinoro sembra che porterà alla candidatura del Coordinatore regionale di Noi Moderati, Massimo Dell’Utri.

Lo sbarramento di Forza Italia ad un candidato vicino ai cuffariani è stato insuperabile.

A meno di sorprese dell’ultima ora (vedi ricerca disperata di un simbolo al quale non serve raccogliere le firme pagando un prezzo per acquisirlo e scegliendo una corsa solitaria per un misero 1%), a Cuffaro e alla sua Democrazia Cristiana non resta ormai che scegliere un candidato di un altro partito sul quale misurare le proprie forze in attesa di momenti migliori.

Nei suoi panni opteremmo per una splendida mossa del cavallo e gireremmo tutte le nostre preferenze a Caterina Chinnici.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione