/// Invia un contenuto >>

DI NUOVO RINVIATO IL VOTO DELLE PROVINCE

11 Febbraio 2021

Nino Piscitello

Commissariate da sette anni

Ieri ancora una volta l’Assemblea Regionale siciliana ha deciso di rinviare, contro il parere del Governo Musumeci, le elezioni provinciali di secondo livello che si sarebbero dovute tenere il 28 e il 29 marzo.

Da quello sciagurato giorno di marzo del 2014, quando con una scelta populista e dannosissima venne cancellato il voto popolare nelle province e venne deliberato dal governo Crocetta il voto di secondo grado da parte di sindaci e consiglieri comunali, le province vivono in uno stato drammatico e comatoso.

Da sette anni si alternano commissari nominati dalla Regione e gli enti sono quasi tutti vicini al fallimento.

Le scuole superiori, la sicurezza ambientale, le strade provinciali, che sono le tematiche delle quali le province si dovrebbero occupare, sono da allora in uno stato disastroso perché gli enti non sono in grado di occuparsene.

Adesso il voto è stato spostato a settembre, ma probabilmente verrà spostato ancora.

La sola alternativa decente sarebbe trovare il coraggio da parte di tutte le forze politiche e ripristinare il voto popolare ridando ai cittadini il diritto di decidere.

Ma forse occorre troppo coraggio.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione