/// Invia un contenuto >>

FAVA E I BRUTTI SCHERZI DELLA CAMPAGNA ELETTORALE

25 Giugno 2021

di: Rino Piscitello

Montante sembra apparirgli credibile e affidabile

All’improvviso Fava sembra attribuire credibilità a Montante il quale sostiene di avere incontrato Musumeci fino al 2018 e che tra i due vi fosse una certa familiarità.

Non lo sfiora neppure il pensiero che può semplicemente essere il tentativo di Montante di lanciare fumo e buttarla in caciara.

No. L’ineffabile Claudio ipotizza che sia la verità e tuona sulle necessarie dimissioni di Musumeci che avrebbe mentito alla Commissione Antimafia dichiarando che i suoi incontri con Montante risalivano ad anni orsono.

Musumeci smentisce nuovamente gli incontri. Ma secondo Fava non basta. Perché allora non ha sporto querela?

L’asticella si alza sempre più e colui che ne stabilisce l’altezza sembra proprio essere Claudio Fava che decide cosa deve fare un uomo calunniato e quando deve farlo.

La risposta di Musumeci taglia comunque ogni tentativo di speculare sulla vicenda:

«Il deputato Claudio Fava – dice Musumeci -, con molto anticipo, è entrato in campagna elettorale, come ha lui stesso dichiarato. Al suo posto mi dimetterei da presidente della Commissione regionale Antimafia, come ho fatto io quando ho ufficializzato la mia candidatura. Per il resto – continua il Presidente della Regione -, quello che dovevo dichiarare sui rarissimi incontri avuti con il dottor Montante, quando rivestiva importanti incarichi istituzionali, l’ho già fatto all’autorità giudiziaria e non scendo in polemica con alcuno, né consento di mettere in dubbio la mia moralità, che i siciliani conoscono bene. Consiglio non richiesto: se cerca di ‘mascariare’ le persone perbene, notoriamente perbene, il deputato Fava ripete un inutile cliché che in Sicilia non ha mai avuto successo. E non faccia sempre il moralista a senso unico – conclude Musumeci -, perché si propone alla guida di una coalizione che nel recente passato ha governato l’Isola grazie al sostegno di un blocco di potere che con il mio governo non ha mai potuto alimentare i propri interessi».

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione