/// Invia un contenuto >>

FINANZIARIA SALVA E PARIFICA OTTENUTA

19 Giugno 2021

Rino Piscitello

Ora basta con le polemiche strumentali

Francamente non se ne può più.

Fino a due giorni fa gli esponenti dell’opposizione davano per certo che il governo nazionale avrebbe impugnato il contenuto fondamentale della finanziaria regionale compreso un miliardo e quattrocento milioni senza i quali la regione sarebbe entrata in una crisi gravissima, e per assolutamente scontato che la parifica sarebbe stata negata dalla Corte dei Conti.

E per questo chiedevano le dimissioni di Musumeci e di Armao.

Ora che il cuore della finanziaria non è stato impugnato e che è stata data la parifica, chiedono ugualmente le dimissioni di Musumeci e di Armao.

Ricordano quella vecchia canzone che diceva “qualunque cosa fai, ovunque te ne vai, tu sempre pietre in faccia prenderai”.

L’impressione è che facessero il tifo per il tracollo della Regione e non escludiamo che a qualcuno fosse persino venuta la tentazione di fare qualche telefonata per inverare le infauste previsioni.

In un Paese normale l’opposizione contesta le decisioni della maggioranza, ma poi avvia uno sforzo comune per evitare il disastro.

In Sicilia no.

In Sicilia lo schema è sempre uguale.

Si prevedono disastri; poi li si dà per avvenuti e, quando non arrivano, si trovano argomenti minori per alzare comunque la polemica.

In questo caso gli argomenti sono stati rappresentati dalle normali critiche avanzate dalla Corte dei Conti (che ha però anche riconosciuto che i conti sono migliorati), e da pochi punti della finanziaria impugnati che possono serenamente essere recuperati in seguito.

L’unica questione rilevante impugnata è quella relativa alla stabilizzazione dei lavoratori ASU che, essendo argomento che ha il consenso di tutti, vedrà aprirsi un’immediata interlocuzione con il governo nazionale per la risoluzione di un problema che riguarda il superamento del precariato che ci chiede anche l’Europa.

Siamo stufi di questo fuoco amico che la Sicilia è costretta a subire in ogni occasione. Proprio da parte di quelli che l’hanno portata al disastro con il governo Crocetta.

Giovedì prossimo il Vicepresidente Armao si incontrerà con la Viceministra all’Economia Laura Castelli per avviare il tavolo sulla crisi di bilancio dei comuni siciliani.

Ci auguriamo che almeno in quella occasione si crei un fronte unitario che unanimemente chieda al Governo Draghi la soluzione del problema.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione