/// Invia un contenuto >>

GLI SCIACALLI E LA GAFFE DEL MINISTRO

LA POLITICA TRASFORMATA IN ODIO E BARBARIE

10 Maggio 2024

Rino Piscitello

sciacalli

Ma come si può costruire un massacro mediatico attorno al niente? Sciacalli senza morale utilizzano una gaffe evidente di un ministro e la mandano sui social a ripetizione milioni di volte.

Siamo di fronte ad un caso palese di barbarie politica

Neanche i servizi russi sono in grado di fare di meglio per sputtanare una persona senza avere alcuna motivazione.

Il ministro Lollobrigida rispondendo in aula a un parlamentare piemontese sulla siccità ha detto: “Per fortuna quest’anno la situazione legata alla siccità colpisce molto di più alcune regioni del sud e in particolare la Sicilia e per fortuna molto meno le zone dalle quali lei proviene …”.

Non bisogna essere dei geni per comprendere che si riferiva alla fortuna che avevano avuto alcuni territori a non trovarsi nella drammatica situazione della Sicilia e si è ovviamente espresso male.

Eppure i social in poche ore sono stati sommersi dai ritagli video della frase estrapolata dal contesto.

E quella che all’inizio è stata la malizia di alcuni, dopo poco è verosimilmente diventata un’operazione che appare orchestrata a livello centrale.

Non c’è militante del PD o del Movimento 5 Stelle che non stia inviando a ripetizione in tutta la Sicilia il filmato della gaffe. Tutti commentando con la parola vergogna.

Ma dovrebbero vergognarsi loro.

La politica è davvero caduta in basso. E la sinistra sta tragicamente diventando “sinistra”.

Esiste qualcuno al mondo che possa pensare ragionevolmente che un ministro insulti senza ragione uno dei territori dove più forte è la sua area politica?

E perché lo avrebbe fatto? E proprio nella platea pubblica per eccellenza, il Senato, in diretta televisiva?

Ovvio che non può esservi alcuna ragione.

Allora vi sono soltanto due possibilità per quelli che stanno diffondendo il video.

O credono davvero che Lollobrigida pensi che è una fortuna che la Sicilia sia stata colpita dalla siccità, o non ci credono.

Nel primo caso sono cretini e quindi incapaci di intendere e volere, ma nel secondo sono solo squallidi personaggi in malafede.

Non abbiamo mai avuto particolare simpatia per il ministro Lollobrigida, ma in questo caso la vittima è lui.

Ci troviamo davanti a un caso evidente di squallidi sciacalli attorno a una preda.

E tra la preda e gli sciacalli non riusciamo ancora ad avere dubbi. Continuiamo a schierarci dalla parte della vittima.

In attesa che qualcuno pretenda che si ripristinino le regole di rispetto che la politica sapeva usare tra avversari molti anni orsono.

P.S. A settembre si terrà il G7 dei ministri dell’agricoltura e Lollobrigida ha deciso già dall’anno scorso che si terrà a Siracusa. Che strano per uno che odia la Sicilia.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione