/// Invia un contenuto >>

IL CORRIDOIO SUD DELL’IDROGENO PASSA DALLA SICILIA

3.000 CHILOMETRI DI GASDOTTI RICONVERTITI PER L'IDROGENO

31 Maggio 2024

Umberto Riccobello

I governi di Italia, Germania e Austria hanno firmato ieri una dichiarazione di intenti che mira ad accelerare lo sviluppo di un corridoio di importazione di idrogeno che colleghi i tre Paesi.

Un corridoio di oltre 3.000 chilometri di gasdotti riconvertiti al passaggio dell’idrogeno per collegare il Nord Africa prima con l’Italia, attraverso la Sicilia, e poi con Austria e Germania.

Il corridoio Sud dell’idrogeno è già selezionato a livello europeo come Progetto di interesse comune (Pci).

Il partenariato trilaterale – sottolinea una nota congiunta – mira a rafforzare la sicurezza energetica per i principali cluster di domanda industriale dei rispettivi Paesi, sostenendo allo stesso tempo gli obiettivi climatici dell’Unione Europea.

Il corridoio meridionale dell’idrogeno dovrebbe essere uno dei cinque corridoi di importazione di idrogeno su larga scala per realizzare l’importazione di 10 milioni di tonnellate di idrogeno rinnovabile entro il 2030.

Il progetto “è stato fortemente sostenuto dall’Italia sin dall’inizio. È un’iniziativa importante per i nostri Paesi, per l’Europa e per l’Africa”, ha commentato il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto.  “Sviluppare il potenziale dell’energia pulita del continente africano e collegarlo all’Europa, promuovendo la crescita e la sicurezza su entrambe le sponde del Mediterraneo, è tra le priorità del governo italiano”. Il progetto “rientra nello spirito del piano Mattei, che mira a partenariati reciprocamente vantaggiosi con i Paesi africani”, ha aggiunto il Ministro.

La cerimonia di firma, che si è svolta ieri a Bruxelles, ha visto la partecipazione di ministri e alti funzionari dei tre Paesi e del Commissario europeo per l’Energia, Kadri Simson.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione