/// Invia un contenuto >>

IL PRONTO SOCCORSO DEL “CERVELLO” NON CHIUDERÀ

E NON VERRÀ ACCORPATO

14 Maggio 2024

Francesco Cimò

pronto soccorso

Non è prevista la chiusura del pronto soccorso dell’ospedale Cervello di Palermo, né il suo accorpamento con quello di Villa Sofia, in vista dei futuri lavori di ristrutturazione che coinvolgeranno l’area di emergenza-urgenza.

È quanto ribadito nel corso di una riunione che si è tenuta nell’assessorato regionale della Salute tra l’assessore, i dirigenti dei dipartimenti Pianificazione strategica e del Dasoe insieme con i vertici dell’azienda ospedaliera.

Con la riunione e la successiva comunicazione si chiudono quindi tutte le polemiche che si erano suscitate senza che vi fosse stato alcun provvedimento formale.

Le tensioni dovrebbero quindi essere superate in modo da consentire l’impegno verso una soluzione condivisa dei problemi.

La direzione aziendale ha comunicato di avere al vaglio due ipotesi progettuali per i lavori ed entro due settimane sceglierà quella più idonea a garantire la continuità assistenziale.

La decisione definitiva si prenderà nel corso di un nuovo incontro previsto in assessorato alla fine del mese.

Per quanto riguarda la carenza di personale del Pronto soccorso, analoga a quella di tante altre strutture di emergenza-urgenza sia a livello regionale che nazionale, risulterà essenziale il ricorso a prestazioni aggiuntive di medici anche di altre unità complesse, finalizzato a garantire la doverosa continuità assistenziale.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione