/// Invia un contenuto >>

INDISPENSABILE UN FORTE MOVIMENTO SICILIANISTA

30 Gennaio 2021

Rino Piscitello

Che isoli gli estremisti e costruisca le giuste alleanze

Non vi è in Europa alcuna grande isola (tranne quelle che sono Stato autonomo) e nessuna grande regione con un’importante storia nazionale che non abbia un forte movimento nazionalista che ne difenda gli interessi. Bastino come esempi la Corsica, per molti aspetti la Sardegna, la Scozia e la Catalogna.

La Sicilia è l’unica che, pur possedendo entrambe le caratteristiche, non ha un forte movimento a tutela dei propri diritti e di quelli dei propri cittadini.

La nascita di un forte movimento è diventata ormai indispensabile.

Ma alcune caratteristiche saranno fondamentali:

  1. Questo movimento, pur dovendo mettere insieme autonomisti, sicilianisti e indipendentisti, non potrà che avere come proprio obiettivo l’attuazione dello Statuto. Le chiacchiere indipendentiste servono per il momento solo agli inutili sognatori. Andranno quindi isolati con determinazione tutti gli estremisti.
  2. Occorrerà che questo movimento costruisca alleanze con i partiti e i movimenti politici nati e presenti solo in Sicilia e rappresentati all’Assemblea Regionale Siciliana, ma anche con i partiti nazionali disposti a condividere gli obiettivi autonomisti.
  3. Occorrerà infine collegarsi alle personalità che hanno dimostrato con coerenza un approccio autonomista e avviare con loro interlocuzioni costanti a prescindere dai partiti ai quali aderiscono. Il vicepresidente della Regione Gaetano Armao, presidente onorario di un movimento sicilianista è forse l’esempio più evidente.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione