/// Invia un contenuto >>

IRRUZIONE AL RETTORATO DELL’UNIVERSITÀ DI CATANIA

DIRITTO DI PAROLA FONDAMENTO DELLA DEMOCRAZIA

20 Aprile 2024

Redazione

irruzione al rettorato

L’irruzione al Rettorato dell’Università di Catania di un centinaio di persone che hanno impedito che si tenesse un convegno alla presenza del Rettore, dell’arcivescovo e di una parlamentare è un fatto molto grave che viola il diritto di parola.

Il convegno aveva come argomento “La disforia di genere nei minori e la carriera alias negli istituti scolastici: questioni mediche, antropologiche e giuridicheed era organizzato dall’associazione “Scienza e vita” e patrocinato dal forum delle associazioni familiari di Catania e Asp di Catania.

Impressionante il ribaltamento delle ragioni che portavano coloro che hanno fatto irruzione e impedito il dibattito quasi a presentarsi come vittime.

Una delle protagoniste dell’interruzione del Convegno ha addirittura sostenuto che “È vergognoso, oltre che preoccupante, che l’Ateneo di Catania ospiti un convegno così pericoloso nei contenuti e allo stesso tempo, però, Unict si dichiara luogo di inclusione e contro ogni forma di discriminazione di genere.»

Il nostro giornale è contrario ad ogni limitazione alla libertà di scelta dei singoli sulla loro sessualità, ma riteniamo molto pericoloso che qualcuno possa arrogarsi il diritto di impedire a qualcun altro di parlare e riteniamo ancora più grave che non si sia impedita con ogni mezzo l’interruzione.

L’idea che qualcuno possa decidere cosa è pericoloso e cosa no rispetto ad un confronto delle idee ci fa paura e lo rifiutiamo sopra ogni altra cosa.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione