/// Invia un contenuto >>

ISMETT 2 NUOVO POLO DI ECCELLENZA SANITARIA

24 Giugno 2021

Nino Piscitello

Progettato da Renzo Piano sorgerà a Carini

Il nuovo polo ospedaliero di eccellenza ISMETT 2 progettato da Renzo Piano e gestito dall’University of Pittsburgh Medical Center è stato presentato ieri nella sede della Regione Siciliana a Palermo.

ISMETT 2 avrà 256 posti letto totali, di cui 42 di terapia intensiva ordinaria, e i restanti 214 di terapia sub-intensiva.

Proseguiranno i programmi di trapianto e terapie di alta specializzazione, cui si aggiungeranno programmi avanzati di oncologia, ortopedia e neuroscienze, ampliando così l’offerta di cure che rappresentano ancora fonte di mobilità passiva.

Ismett 2 sarà inserito nella rete territoriale delle emergenze cardiovascolari, quali infarto del miocardio e Stroke.

Ismett 2 insieme al Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica (CBRB) di Fondazione Ri.MED rappresenterà un polo d’eccellenza medica per il Sud Italia.

“Ismett 2 si proietta in una dimensione mediterranea. Non vogliamo essere competitivi con i Paesi del Nord Europa – dice il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci – ma un punto di riferimento per quelli del bacino euroafroasiatico. Il futuro della Sicilia, infatti, sta nella sua centralità mediterranea, non solo geografica, ma anche economica e culturale.”

“Con Ismett 2 – prosegue Musumeci – potremo garantire interventi di alta specializzazione, riducendo i dolorosi “viaggi della speranza”. Un progetto al quale il governo regionale ha sempre creduto e per il quale abbiamo destinato oltre 180 milioni di euro”.

«Ismett 2 rappresenta una vera sfida sotto molti aspetti – ha dichiarato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza – sia in termini di innovazione medica sia di tempistica: nell’arco di dodici mesi, appena in un anno, stiamo arrivando dall’idea progettuale alla progettazione esecutiva. Si tratta di un record. Contiamo già all’inizio dell’anno prossimo di poter avviare i lavori del cantiere».

“Insieme al Centro di Ricerca della Fondazione Ri.MED già in costruzione sulla stessa area – aggiunge Angelo Luca, direttore dell’IRCCS ISMETT di Palermo – determinante per la creazione di un cluster per la cura e la ricerca biomedica. È stimato che con i suoi 256 posti letto, Ismett 2 avrà un impatto positivo sull’economia siciliana per 270 milioni di euro l’anno, che salgono a 386 milioni di euro insieme al centro di ricerca della Fondazione Ri.MED, e questo senza aggiungere la valorizzazione delle attività di ricerca in termini di innovazione, proprietà intellettuale, produzione e commercializzazione»

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione