/// Invia un contenuto >>

ITA I tipici anormali

1 Marzo 2021

Redazione

Federico Angi

Federico Angi, regista dalle origini franco-siciliane, sta per tornare al cinema con due nuovi lungometraggi, questa volta neoirrealisti: si tratta dell’open mind “ITA I Tipici Anormali” una commedia dell’assurdo dai tratti fantasy/musical & “The Mistery of ITA” Mockumentary Noir sulla realizzazione del film ambientalista e anti-bullismo, prima annunciato.

200 Persone, in totale, hanno collaborato a questi film, presentati nel trailer, tra cui: il licatese Aldo Marrali, che per il lungometraggio sul Making off di ITA, nei panni dell’investigatore Allen Aldo interrogherà gran parte dei Neoirrealisti; ma anche la MUA della provincia di Messina, Gloria Laviano e infine sua cugina Alessandra Romeo interprete della sposa circense Anastasia.

Aldo Marrali

ITA I Tipici Anormali racconta l’odissea di Alfred, Dory, GG e Mickey che una volta arrivati dalla cugina Nasty, prossima all’altare scoprono di dover riorganizzare il matrimonio. Bruce Pappalardo, lo sposo italo-americano, non tarda ad arrivare insieme agli altri consanguinei, complicando il tutto. Gradualmente tutti riscopriranno come ciò che si pensa essere anormale è in realtà speciale!

Invece la parabola noir di The Mistery Of ITA mostra un film nel film, definibile palinsesto mixta, dove un album di colloqui con i membri del cast tecnico e artistico, si trasforma in un’indagine attorno al mistero del grammofono dei Degas, apparentemente scomparso durante la realizzazione del primo film Neoirrealista.

A parlarci dell’ispirazione sicula nucleare alle opere sono proprio i collaboratori di Angi, “Il matrimonio di ITA in cui mi vedrete, si riaggancia alla trasposizione parzialmente biografica delle celebrazioni nuziali degli zii siculi di Federico, ciò spiega perché il 1° film si conclude con il sacramento della sposa incinta, nella realtà tenutosi a Palermo. A mio avviso siamo davanti ad una riuscitissima trasposizione fantastica del indiscusso ingegno artistico del regista, in una divertente, colorata ed emozionante commedia da non perdere” annuncia Roberta Arnone regista della nostra regione, nonché ombrellina circense per il film di Angi. “Finite le riprese di The mistery of ITA” prosegue Marrali “ho trovato sorprendente la bravura di Federico Angi e della sua Backstager di fiducia, la teramana Francesca Tancredi, nel creare un’atmosfera suggestiva e ben definita attraverso l’uso minuzioso e geniale delle luci e delle giuste inquadrature, nonostante un budget pari a zero. Non è tutto perché al di là dei qualitativi tecnicisimi che confezionano questo prodotto gli autori con entrambi i film, riportano in scena le atmosfere paradossalmente originali dello sfondamento della quarta parete pirandelliana coinvolgendo in prima persona noi astanti nei film tramite i narratori in ITA e nel Mockumentary tramite l’investigatore che Federico ha cercato di cucirmi addosso per farmi trovare a mio agio nei suoi panni. È affascinante come tale combinazione di tecnicismo, topos narrativi, suoni e colori riescano a stimolare quasi a livello chimico il cervello di almeno tre generazioni”. Possiamo dunque dire che anche grazie alla collaborazione dei nostri conterranei, Angi si appresta a presentare in anteprima non uno ma ben due lungometraggi di questa avanguardia cinematografica indipendente: Il Neoirrealismo!

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione