/// Invia un contenuto >>

LA COMMISSIONE EUROPEA RINGRAZIA ARMAO PER STUDIO COSTI INSULARITÀ

12 Febbraio 2021

Umberto Riccobello

Per la Sicilia una tassa occulta di 6 miliardi e mezzo l’anno

Importante riconoscimento della Commissione Europea per lo studio sui costi dell’insularità in Sicilia che il Vicepresidente della Regione Gaetano Armao ha inviato alla Presidente von der Leyen, e ai Commissari competenti.

La commissaria alla Coesione Elisa Ferreira ha inviato ad Armao una nota di ringraziamento per la realizzazione e la condivisione dello studio con la Commissione Europea.

“Lo studio è particolarmente prezioso – sostiene la Commissaria alla Coesione – perché fornisce un’analisi completa dei principali vincoli che la Sicilia deve affrontare in quanto economia insulare.

L’approccio adottato, … che porta ad una stima del costo dell’insularità … è molto promettente. Fornisce informazioni chiave sulla Sicilia, ma apre anche la strada allo sviluppo di metodi migliori per valutare più accuratamente il costo dell’insularità.

Condivideremo la relazione – conclude la lettera della Ferreira – con i nostri uffici e sono convinta che aiuterà a progettare i programmi futuri per le regioni interessate in tutta l’Unione.”

Lo studio sui costi dell’insularità che, su input di Armao, è stato curato dal Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici e dal Servizio Statistica dell’Assessorato all’Economia della Regione Siciliana con il supporto dell’Istituto di Ricerca Prometeia, ha dimostrato che il costo degli svantaggi derivanti alla Sicilia dalla condizione di insularità ammonta a sei miliardi e mezzo di euro l’anno, pari al 7,4 del PIL della Regione Sicilia.

Una tassa occulta che tutti i siciliani sono costretti a pagare e che deve trovare adeguata compensazione per evitare che i cittadini delle isole debbano vivere in condizioni di minorità rispetto ai cittadini delle altre regioni.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione