/// Invia un contenuto >>

LA PEGGIORE OPPOSIZIONE SICILIANA DI SEMPRE

3 Luglio 2021

Rino Piscitello

PD

Silenziosi con Crocetta, sfascisti contro Musumeci

Non si era mai assistito in Sicilia a un’opposizione così preconcetta come quella di questa legislatura.

Qualunque cosa faccia il governo Musumeci, l’opposizione si getta in una battaglia lancia in resta.

Il governo regionale sta affrontando una serie di battaglie che avrebbero bisogno di una unanime solidarietà regionale.

Battaglie come quelle per l’applicazione dello Statuto, del riconoscimento dei costi dell’insularità, della fiscalità di vantaggio, delle trattative con lo Stato sull’autonomia finanziaria, sull’infrastrutturazione ferroviaria e autostradale, sul Ponte sullo Stretto, sull’utilizzo delle risorse del Recovery Plan e così via.

Ci si aspetterebbe una disponibilità all’impegno comune al di là dei differenti ruoli assembleari, ma invece ci si ritrova soltanto dinanzi a forme di estremismo antigovernativo senza precedenti.

Neanche i comunisti negli anni ’60 usavano toni di questo tipo nei confronti dei governi democristiani, eppure le differenze ideologiche erano molto più ampie di adesso.

In altri tempi si sarebbe invocata la solidarietà nazionale, o al limite la richiesta di individuare punti di lavoro comune per contribuire allo sviluppo dell’isola.

Oggi invece assistiamo agli insulti di De Pasquale del PD che arrivò ad attribuire al governo Musumeci addirittura la responsabilità dei morti per Covid.

E perfino Barbagallo e Cracolici (entrambi ex assessori del disastroso governo Crocetta) inveiscono con toni insopportabili contro Musumeci tentando di farsi passare per ingenui ragazzotti rivoluzionari alle prime armi.

Dei grillini, poi, è meglio non parlare. Se fosse per loro, il buco dell’ozono e i fenomeni climatici estremi sarebbero tutti colpa dell’attuale Presidente della Regione.

In ultimo Fava, solitario esponente di un integralismo antico che fa pensare a un leader amish indisponibile ad ogni moderna mediazione.

Vorremmo dare un consiglio al centrosinistra siciliano: fate almeno finta di voler lavorare insieme alla maggioranza per il bene della Sicilia, perché, se cercherete soltanto di apparire intransigenti, sarete inutili e, quel che per voi sarà peggio, apparirete inutili.  

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione