/// Invia un contenuto >>

SU IDROGENO E RINNOVABILI LA SICILIA VUOLE ESSERE PROTAGONISTA

17 Luglio 2021

di: Umberto Riccobello

Le parole di Musumeci al convegno sull’energia

La Sicilia è pronta per affrontare la sfida dell’idrogeno “verde” ed ospitare un modello di “Hydrogen Valley” diffuso sul territorio, scommettendo sulla transizione energetica verso le fonti rinnovabili.

«Abbiamo tutti i numeri per giocare una partita da protagonisti. Non soltanto perché ci candidiamo ad essere sede di un modello innovativo di ricerca sull’idrogeno, ma anche perché vogliamo fare lavorare le piccole e medie imprese che sull’energia si stanno impegnando a fondo e hanno diritto di accedere alle risorse Po-Fesr, così come le grandi aziende». Lo ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci, concludendo ieri i lavori di “Le Energie della Sicilia”, l’evento organizzato dal governo regionale alle Ciminiere di Catania nell’ambito delle Giornate dell’Energia 2021. «Alle imprese di grandi dimensioni – ha aggiunto il governatore – chiediamo di cooperare per una crescita razionale di una terra che ha subito tante ingiustizie e che adesso punta a diventare un modello nel Mediterraneo per abbandonare definitivamente la logica delle emergenze. Il tema dell’energia pulita e rinnovabile è una priorità del nostro governo, ma invito tutti i dipartimenti interessati a vigilare contro ogni tentativo di speculazione e di infiltrazione. Su questo non faremo sconti a nessuno».

«In questa tre giorni – ha detto l’assessore all’Energia, Daniela Baglieri –abbiamo ascoltato la comunità scientifica, le istituzioni, le imprese e gli operatori del settore per scegliere il mix che ci consente di affrontare la transizione energetica nel rispetto delle specificità dei territori siciliani, secondo criteri di oggettività, intelligenza e giusti equilibri costi/benefici. Isole minori, agrifotovoltaico, biocombustibili ed economia circolare, comunità energetiche e, infine, l’idrogeno, un’opportunità da sfruttare adesso. Stiamo lavorando – ha concluso l’assessore Baglieri – per semplificare le procedure, ma non abbasseremo il livello di attenzione sulla legalità».  

Come molti ricordano, il governo Musumeci ha avanzato a inizio anno la candidatura della Sicilia ad ospitare il Centro nazionale di alta tecnologia per l’idrogeno e già 79 soggetti siciliani e nazionali (tra i quali le più grandi e innovative imprese del settore) hanno risposto alla manifestazione di interesse pubblicata dalla Regione Siciliana a marzo.

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione