/// Invia un contenuto >>

L’OPPOSIZIONE CHE VORREBBE FARE SALTARE GLI ACCORDI

30 Gennaio 2021

Francesco Cimò

Sbagliano campo e tirano sempre nella porta sbagliata

Il governo Musumeci, tramite l’assessore all’Economia Gaetano Armao, ha sottoscritto qualche settimana fa l’accordo con lo Stato che consente di spalmare in dieci anni anziché in tre il disavanzo (dovuto a errori di gestioni precedenti e in larghissima parte al duo Crocetta-Baccei).

Una delle condizioni dell’accordo è che il bilancio 2021 venga approvato entro il 28 febbraio. La prima reazione delle opposizioni è: “Non ce la farete mai e l’accordo salterà.”

La Corte dei Conti regionale si convoca il 27 febbraio per la parifica, rendendo difficile il percorso dell’approvazione del bilancio nei tempi necessari e l’opposizione PD e 5 Stelle nuovamente alza la voce sostenendo che l’accordo è praticamente saltato.

Nei giorni scorsi è stato rilevato un errore tecnico nell’accertamento dei residui dell’assessorato alla formazione e di quello alla mobilità risalenti al 2016 e 2017. Questo ha comportato una necessaria modifica del rendiconto e di nuovo l’opposizione ha gridato alla violazione di un punto dell’accordo.

Ma con che squadra giocate?

Ma lo sapete che se l’accordo (che non è stato una concessione) dovesse saltare, le conseguenze le pagherebbero i soggetti deboli della nostra Regione?

Noi crediamo che sul piano tecnico e politico gli accordi saranno rispettati, almeno nella loro sostanza e nessuno avrà l’ardire di invocarne il fallimento.

Ma triste quel Paese la cui opposizione tifa per la squadra avversaria.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione