/// Invia un contenuto >>

LU LUPU DI LA MALA CUSCENZA COMU OPERA PENSA

6 Agosto 2021

Rino Piscitello

Polemica pelosa della sinistra su una frase di Musumeci

Ieri nel corso di una dichiarazione durante la riapertura al pubblico dei Giardini di Palazzo d’Orléans, chiusi da quattro anni perché non conformi alla normativa vigente, il Presidente Musumeci ha pronunciato una frase la cui lettura maliziosa da parte di alcuni ha determinato feroci polemiche assolutamente fuori luogo.

La frase incriminata, che si riferiva in modo esplicito all’abbandono dei volatili del parco da parte del precedente Presidente della Regione e agli accordi che era stato adesso necessario definire, era testualmente: “debbo dire che è stata una fatica perché vi era una sorta di pregiudizio; il precedente governo non era interessato stranamente agli uccelli e invece noi abbiamo lavorato perché questo potesse definirsi sul piano della corretta collaborazione con il consenso degli avvocati”.

Teste probabilmente malate e certamente malpensanti hanno voluto dare una lettura omofoba della dichiarazione che era peraltro inglobata in un ragionamento generale sulle difficoltà incontrate nella riapertura del Parco.

Per replicare sarebbe bastato dire che, a prescindere dall’importante riapertura del parco, si sperava che in alcune frasi non vi fosse stato un intendimento omofobo e si poteva chiedere a Musumeci una smentita.

Gli attacchi provenienti da sinistra sono stati invece violentissimi e non hanno tenuto in alcun conto che nella frase non vi fosse alcun riferimento omofobo né del fatto che Musumeci abbia assolutamente negato con sdegno volontà omofobe nelle sue parole.

Processo e condanna basate sul pregiudizio e senza diritto alla difesa.

Un vero e proprio classico.

Per spiegare il comportamento livoroso di alcuni possiamo solo prendere in prestito un saggio proverbio siciliano che dice “lu lupu di la mala cuscenza comu opera pensa”, ossia chi ha la coscienza cattiva pensa che tutti siano come lui.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione