/// Invia un contenuto >>

NO AL DEPOSITO RIFIUTI RADIOATTIVI IN SICILIA

1 Luglio 2021

Umberto Riccobello

Assessore Cordaro: Non lo permetteremo mai, faremo le barricate

Dal Governo Musumeci arriva un NO forte e chiaro a qualsiasi ipotesi di stoccaggio nell’isola dei rifiuti radioattivi di tutto il Paese.

“Non permetteremo mai che la Sicilia diventi la sede nazionale dei rifiuti radioattivi – ha detto l’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro -, faremo le barricate. Il nostro è un no secco, senza margini di ragionamento, perché siamo contrari per principio e abbiamo dati oggettivi che dimostrano che il nostro territorio è inadeguato a ospitare questo sito”. 

L’assessore Cordaro ha sottoscritto ieri, con i cinque sindaci dei Comuni coinvolti, l’atto formale con cui si esprime l’inadeguatezza dei 4 siti siciliani individuati dalla Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (CNAPI).

Le relazioni sottoscritte ieri saranno adesso inviate alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dal 3 luglio, infatti, il Governo nazionale avrà quattro mesi di tempo per valutare tecnicamente le controdeduzioni presentate dalla Regione e, in caso, avviare consultazioni con gli enti territoriali coinvolti. 

“Abbiamo ragioni solide – ha proseguito Cordaro – per dimostrare, anche in sede nazionale, che la Sicilia non è un territorio idoneo. Il gruppo di lavoro istituito dal governo Musumeci in sei mesi ha raccolto una documentazione stringente, oggettiva e inoppugnabile sotto il profilo ambientale, urbanistico, culturale, del dissesto idrogeologico, sismico e dei trasporti. Fino a quando non verrà posta la parola fine a questa brutta storia la Regione sarà pronta a battersi per tutelare l’interesse di tutti i siciliani. La nostra terra piuttosto che rifiuti nucleari deve accogliere i turisti”.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione