/// Invia un contenuto >>

NOI MODERATI E DC, PER FORZA ITALIA SENZA FORZA ITALIA

NON FARE INCONTRARE MAI LA MOGLIE E L'AMANTE

13 Maggio 2024

Rino Piscitello

Noi Moderati Democrazia Cristiana

in foto: la Presidenza dell'incontro

Ieri all’hotel Mosè di Agrigento si è aperta la campagna elettorale di Noi Moderati e della Democrazia Cristiana.

Il candidato di Noi Moderati alle elezioni europee nella lista di Forza Italia, sostenuto anche dalla Democrazia Cristiana, è Massimo Dell’Utri.

Dell’Utri è stato candidato in lista a seguito di un Accordo politico tra Noi Moderati e Forza Italia sottoscritto da Antonio Tajani, segretario nazionale di Forza Italia, e da Maurizio Lupi, leader nazionale di Noi Moderati.

L’accordo è firmato negli stessi giorni in cui dal nazionale di Forza Italia arrivava il veto ad accordi con la DC di Cuffaro.

Ma, chiuse le liste, Noi Moderati ha sottoscritto un altro Patto federativo. Questa volta con la Democrazia Cristiana di Cuffaro che in questo modo rientra in gioco.

Ovviamente le ipotesi sono solo due.

O Forza Italia è parte dell’operazione e l’accordo è fare finta di nulla per non provocare le reazioni moraliste degli anti cuffariani, o Forza Italia ha subito in qualche modo il raggiro di Noi Moderati che, attesa la chiusura delle liste, hanno poi realizzato l’accordo con Cuffaro.

In ogni caso la logica è un po’ ipocrita: Forza Italia chiude l’accordo con Noi Moderati. Noi Moderati chiude l’accordo con la Democrazia Cristiana. La Democrazia Cristiana non ha nessun rapporto con Forza italia alla quale però porterà migliaia di voti.

Per correttezza qualcuno dovrà dire come stanno realmente le cose.

Intanto ieri, a conferma di quanto abbiamo detto, all’apertura ufficiale della campagna elettorale di Massimo Dell’Utri c’erano Maurizio Lupi e Totò Cuffaro e tutti i dirigenti dei due movimenti. Ma non c’era nessuno di Forza Italia.

Ed è ben strano, visto e considerato che fino a due ore prima il Presidente Schifani era (a soli quattro chilometri di distanza) a San Leone ad Agrigento all’apertura della campagna elettorale di Margherita La Rocca Ruvolo.

Intanto nel corso dell’incontro, peraltro pienissimo oltre ogni capienza, Dell’Utri con naturalezza rivendicava ogni stranezza dicendo: “L’accordo politico tra Forza Italia e Noi Moderati e il patto federativo tra Noi Moderati e la nuova Democrazia Cristiana Sicilia sono tessere di un unico mosaico.” Mosaico -aggiungiamo noi – nel quale vi sono però pezzi che per convenzione devono fare finta di non conoscersi.

Non vorremmo essere troppo maliziosi, ma a noi tutto questo ricorda la regola madre del tradimento: Tutti possono essere a conoscenza di tutto, ma condizione essenziale è non fare incontrare mai tra di loro la moglie e l’amante.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione