/// Invia un contenuto >>

PONTE, MINISTERO AMBIENTE CHIEDE ALCUNI CHIARIMENTI

E LA SINISTRA IMMOTIVATAMENTE ESULTA

17 Aprile 2024

Nino Piscitello

Ponte sullo Stretto

Come per ogni progetto presentato, il Ministero dell’Ambiente ha chiesto chiarimenti e integrazioni sulla documentazione inerente il Ponte sullo Stretto.

E subito è iniziato il fuoco di fila dei nemici della Sicilia che tentano sempre di dare un’interpretazione catastrofista.

Per il Pd e il M5S, il Ministero dell’Ambiente avrebbe addirittura bocciato la proposta del Ponte.

Su questo nei prossimi mesi si baseranno tutte le fake news che tenteranno di impedirne la realizzazione.

Funzionerà pressappoco così: la Società Stretto di Messina presenterà le integrazioni che, con alcune modifiche, saranno approvate. A questo punto la sinistra insorgerà al grido “Ma come. Prima lo avevate bocciato e adesso lo approvate.

Il meccanismo è sempre uguale. Sostieni una bugia trattandola da verità, e nel momento nel quale viene smascherata gridi al complotto sostenendo che qualcuno ha cambiato le carte in tavola.

La verità è invece molto più semplice. Il ministero ha richiesto 239 integrazioni di documenti alla Società Stretto di Messina nel momento nel quale è suo compito valutare il progetto.

Per un progetto di quelle dimensioni, 239 richieste sono davvero poche e come ha detto l’AD della società Pietro Ciucci “sono assolutamente congrue, per l’entità e complessità dell’Opera e per le relative interazioni con il territorio e le varie componenti ambientali”.

E infatti, con grande serenità, Ciucci ha affermato che “Nei 30 giorni previsti dal procedimento, la Stretto di Messina, insieme a Eurolink, predisporrà tutte le integrazioni e chiarimenti richiesti”.

Le richieste di integrazione documentale del Ministero dell’Ambiente sono peraltro una garanzia di serietà dell’intero iter di realizzazione del Ponte e del fatto che nessun settore del Governo prende sottogamba il suo ruolo.

Tacciano quindi i portatori di sventura e si risparmino la successiva indignazione quando i chiarimenti arriveranno e l’iter continuerà senza interruzioni.

E soprattutto se ne facciano una ragione.

Il Ponte è utile ai siciliani, indispensabile allo sviluppo dell’Isola e si farà.


/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione