/// Invia un contenuto >>

RECOVERY PLAN E IL GIOCO DELLE TRE CARTE

9 Gennaio 2021

Rino Piscitello

Il trucco dei fondi per il Sud del Governo a trazione nordista.

recovery plan

Con una clamorosa presa in giro il Governo tenta di far credere che il 50% dei fondi del Recovery Plan sarà destinato al Mezzogiorno.

L’operazione è degna del gioco delle tre carte. Ai fondi del Recovery Plan sommano i fondi europei già destinati per altri canali al Sud e poi ricalcolano il tutto.

Un imbroglio in piena regola.

Lo denunciano Stefania Prestigiacomo, Matilde Siracusano e Giusi Bartolozzi.

L’esecutivo – svelano le tre deputate di Forza Italia -, per aumentare le quote di risorse assegnate al Sud accorpa anche i fondi di coesione, soldi comunitari già stanziati attraverso i piani operativi nazionali (Pon) e i piani operativi regionali (POR). Il Recovery dovrebbe innanzitutto servire per finanziare le grandi opere e per sanare quel gap infrastrutturale che esiste da decenni nel nostro Paese. Invece, secondo il piano di Palazzo Chigi, al Mezzogiorno andranno circa 4,5 miliardi per strade, autostrade, ponti, ferrovie; alle Regioni settentrionali, invece, la cifra monstre di 74 miliardi di euro. Naturalmente  – concludono le tre parlamentari – viene esclusa la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina, così come l’Alta Velocità in Sicilia. Altro che ripartenza… il governo Conte dimentica il Sud e tenta goffamente di ingannare i suoi cittadini”

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione