/// Invia un contenuto >>

RISULTATO COMUNALI OCCASIONE PER IL CENTRODESTRA

5 Ottobre 2021

Redazione

Più unità, più contenuti e meno concorrenza.

Non si può certo dire che le elezioni comunali siano andate bene per il centrodestra.

Forse il risultato era atteso, ma fa comunque male.

Forse i ballottaggi ridurranno il danno, ma è indubbio che di danno si deve parlare.

Atteggiamento distaccato e litigioso

Il centrodestra nella consapevolezza di rappresentare la maggioranza del Paese che solo il non essere andati alle elezioni ha impedito di andare al governo ha assunto un atteggiamento distaccato e litigioso come se l’unico problema fosse rappresentato dal dilemma su quale dei partiti sarebbe arrivato primo.

E intanto il Paese andava avanti e chiedeva competenza e autorevolezza.

E si sentiva rappresentato da Draghi.

E questa volta a votare non è andato l’elettorato di centrodestra che si è sentito meno rappresentato da quei partiti che avevano trovato candidati deboli per le grandi città e solo all’ultimo momento.

È mancato il centrodestra

Possiamo dire che al centrodestra è mancato il centrodestra.

È mancato lo spirito di una coalizione unita che si spende sui programmi.

Il centrosinistra ha vinto in molti luoghi per l’assenza dell’avversario.

Occasione irripetibile

Per questo il risultato forse è stata un’occasione irripetibile per comprendere il segnale inviato dagli elettori. 

E per avviare una riflessione che coinvolga militanti ed elettori.

In Sicilia unirsi attorno al Presidente della Regione

Anche in Sicilia si rischia di non comprendere.

La coalizione deve unirsi attorno al Presidente della Regione ed elaborare un programma di fine legislatura puntando per i comuni su uomini competenti e autorevoli evitando di dare l’immagine dell’autosufficienza e dei patti nascosti tra i partiti.

Su questo percorso tutti i partiti di centrodestra potranno essere più forti evitando di essere l’un contro l’altro armati.

Primo punto del programma la difesa dell’Autonomia

E non dimenticando che, a fronte di una sinistra centralista, il primo elemento programmatico è la difesa dell’autonomia contro le nuove forme di sfruttamento del sud e della nostra isola. 

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione