/// Invia un contenuto >>

SANITÀ, MISURE CONTRO LA PROPAGANDA ELETTORALE

TENERE LA CAMPAGNA ELETTORALE FUORI DALLE ASP

2 Maggio 2024

Nino Piscitello

sanità

in foto: Giusi Savarino, deputata FDI all'ARS

I deputati regionali di Fratelli d’Italia, Giuseppe Catania, Giuseppe Bica e Giusi Savarino hanno chiesto con un’interrogazione l’adozione di misure immediate e urgenti «per tenere del tutto estraneo alla prossima contesa elettorale il sistema della sanità siciliana».

L’interrogazione si riferisce alla campagna elettorale per le elezioni europee, ma anche alla campagna elettorale amministrativa che vede coinvolti 37 comuni siciliani.

I deputati di Fratelli d’Italia sottolineano che : «Nella precedente legislatura l’allora assessore regionale alla Sanità diramò un vademecum anti-propaganda, trasmesso alle Asp e alle Procure, in cui era fatto obbligo di rispettare alcune regole durante il periodo elettorale. La prima: nessuna inaugurazione di reparto. La seconda: le attività sanitarie non dovranno essere turbate da iniziative di carattere propagandistico, compresa la organizzazione di riunioni ed incontri. La terza: divieto di dare esecuzione ai concorsi “già avviati o comunque in itinere – fatta esclusione dell’implementazione degli organici carenti – anche finalizzati all’attribuzione della direzione di unità operative complesse“. La quarta: divieto di diffondere “santini” dentro le strutture sanitarie. La quinta: l’invito ai candidati a richiedere un periodo di aspettativa e/o di usufruire dei giorni di permesso per la durata della campagna elettorale». 

Nell’interrogazione, rivolta al presidente della Regione e all’assessore alla Salute, i tre deputati di FdI sottolineano: «Le stesse esigenze che hanno portato alla stesura di quel vademecum risultano attuali» e aggiungono che «in alcune ASP siciliane sono stati pubblicati avvisi per il conferimento degli incarichi di funzione organizzativa e di funzione professionale riservati al personale dipendente del comparto area dei professionisti della salute e dei funzionari-ruolo amministrativo, tecnico, sanitario e professionale. Inoltre non è da escludere che vi possa essere la presenza nelle liste elettorali di dipendenti del Servizio sanitario regionale e delle strutture private convenzionate».

«È opportuno evitare dubbi – continua l’interrogazione – sulla estraneità nella dinamica della campagna elettorale dei vertici delle ASP. A titolo di esempio: in provincia di Agrigento convegni su sanità con candidati tra i relatori e in provincia di Caltanissetta risulterebbe – da volantini elettorali in circolazione – che la coniuge/compagna del Commissario Straordinario dell’ASP figura quale candidata al consiglio comunale in un Comune il cui presidio sanitario e la cui offerta sanitaria è governata dallo stesso Commissario Straordinario». 

Pertanto, considerando «opportuno evitare anche il solo sospetto che l’attività sanitaria possa essere gestita e utilizzata per fini diversi rispetto alla tutela della salute pubblica», i tre deputati di Fratelli d’Italia chiedono «quali iniziative immediate e urgenti intenda intraprendere il Governo della Regione al fine di tenere del tutto estraneo alla contesa elettorale il sistema della sanità siciliana».

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione