/// Invia un contenuto >>

SICILIA – DAL 30 AGOSTO IN ZONA GIALLA

26 Agosto 2021

Umberto Riccobello

L’ulteriore aumento dei ricoveri sembra non lasciare scampo

Dopo averla evitata la settimana scorsa grazie all’inserimento di nuovi posti letto in terapia intensiva, sembra ormai molto difficile per la Sicilia evitare la zona gialla a partire dal prossimo lunedì 30 agosto.

Per l’AGENAS, agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, nelle terapie intensive in Sicilia i posti occupati da pazienti COVID sono l’11% di quelli disponibili e in degenza ordinaria hanno raggiunto il 20% di quelli disponibili.

Sono i due parametri al cui raggiungimento una regione passa in zona gialla, insieme all’altro parametro, ossia il superamento di 50 casi settimanali ogni 100.000 abitanti, che la Sicilia ha già superato da molto tempo (siamo quasi a 200 casi settimanali ogni 100.000 abitanti).

E i contagi non tendono ancora a scendere.

Ieri i nuovi positivi sono stati 1409 su 21.519 tamponi effettuati con un tasso di positività del 6,54 che scende di poco rispetto al 7,48 del giorno precedente e che è più del doppio del tasso nazionale

Rimangono 102 come il giorno prima i ricoverati in terapia intensiva (dei quali 78 non vaccinati) ma salgono a 751 quelli in degenza ordinaria (più 11 rispetto al giorno prima).

La zona gialla non comporterà grandi differenze rispetto alla zona bianca tranne l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto e il divieto nei ristoranti e nei bar di sedersi ai tavoli in più di 4 anche all’esterno (tranne che non si faccia parte della stessa famiglia). Ma è chiaro che cominciano a ritornare comunque fastidi e restrizioni.

La presenza massiccia di turisti e il rallentamento della paura hanno inciso molto.

Adesso però è di nuovo l’ora delle precauzioni e occorre cambiare i comportamenti.

Come ha giustamente detto nel suo appello il Presidente della Regione, Nello Musumeci, occorre aumentare nettamente il numero dei vaccinati e ricominciare ad osservare rigorosamente le regole di prudenza che in molti hanno abbandonato.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione