/// Invia un contenuto >>

SICILIANI TIFOSI DELL’ITALIA CAMPIONE D’EUROPA

12 Luglio 2021

Rino Piscitello

Dedichiamo la vittoria contro l’Inghilterra ai nostri amici scozzesi

Lo abbiamo ripetuto ad ogni occasione.

Siamo siciliani, italiani ed europei.

Ed è in tutte e tre queste vesti che abbiamo tifato e trepidato per l’Italia e alla fine abbiamo festeggiato insieme a milioni di altri come noi.

E abbiamo provato una grande emozione quando la Coppa è stata alzata dalle mani dei giocatori italiani.

È stata una grande Italia che ha meritato di vincere e che ha saputo mostrare capacità e sobrietà.

La capacità di una grande squadra, del suo capitano Chiellini, del portiere Donnarumma e dell’allenatore Mancini.

E la sobrietà, l’eleganza e la felicità del nostro Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Ma siamo contenti per tante ragioni.

Siamo contenti perché tutta l’Europa tifava per noi e perché l’Italia ieri rappresentava davvero tutta l’Unione Europea.

E quell’Europa dalla nostra parte l’abbiamo sentita per tutti i 120 minuti di gioco più i recuperi e i tempi per i rigori.

Siamo contenti perché sarebbe stato paradossale che la Coppa d’Europa fosse andata nelle mani di chi dall’Europa ha deciso di uscire.

Non avremmo sopportato i festeggiamenti dello scapigliato e antieuropeo Boris Johnson.

D’altronde se decidi di uscire dall’Unione Europea non puoi pretendere di portarti a casa la Coppa.

E un po’ di soddisfazione l’abbiamo provata anche a vincere a casa loro, dove una tifoseria scomposta, lontanissima dalla sportività italiana, ha vergognosamente fischiato il nostro inno.

E questa vittoria deve avere anche una dedica speciale.

La dedichiamo ai nostri amici scozzesi che hanno tifato e festeggiato con noi e che, prima o poi, otterranno con un referendum l’indipendenza e torneranno nell’Unione Europea.

Insomma. Per tante ragioni, e non solo sportive, l’Italia meritava di vincere e l’Inghilterra meritava di perdere.

Abbiamo festeggiato la vittoria dell’Italia dalla nostra Sicilia che è una Nazione senza Stato e che è stata indipendente per 730 anni.

Una Nazione che non avrà ragione di chiedere l’indipendenza se vengono garantiti in modo serio e rigoroso l’Autonomia, l’attuazione piena dello Statuto speciale, l’eliminazione del profondo divario sociale, economico ed infrastrutturale.

Una Sicilia che con orgoglio continuerà a tifare per la nazionale italiana.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione