/// Invia un contenuto >>

ZONA GIALLA, RICOVERATI E VACCINATI

27 Agosto 2021

Redazione

Calcolo matematico tra non vaccinati e ricoveri

La Sicilia giorno 30 agosto, ormai quasi con certezza, transiterà nella zona gialla.

In questo articolo vogliamo riflettere senza polemiche sul rapporto tra vaccinati, ricoveri e zona gialla.

Come è noto uno dei parametri per entrare in zona gialla è quello del tasso di occupazione delle terapie intensive che non deve superare il 10%.

Il Presidente della Regione, Nello Musumeci, nel suo appello ai siciliani a vaccinarsi, ha riportato il dato di 78 non vaccinati su 102 pazienti in terapia intensiva.

Con l’aiuto della matematica facciamo un po’ di calcoli.

78 su 102 rappresentano il 77% dei ricoverati. Ma i non vaccinati (insieme addirittura ai vaccinati con una dose) sono solo il 39% dei siciliani (la Sicilia ha infatti il 60,5% di vaccinati con doppia dose).

Il che vuol dire che i non vaccinati finiscono in terapia intensiva con una frequenza almeno doppia rispetto alla loro percentuale.

I vaccinati con doppia dose finiscono invece in terapia intensiva con una frequenza molto inferiore a quella che rappresentano sul totale (ossia il 23% invece del 60,5%).

Secondo l’AGENAS (l’agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) i posti letto in terapia intensiva in Sicilia sono 926.

Il 10% di 926 è 92,6.

Se i non vaccinati avessero una percentuale di ricoveri in terapia intensiva uguali a quelli dei vaccinati (se si fossero cioè vaccinati) avremmo in totale circa 40 degenti in terapia intensiva, ossia 62 in meno di adesso.

E il tasso di occupazione delle terapie intensive sarebbe solo del 4,3% e saremmo lontanissimi dalla zona gialla.

Vaccinarsi non è un obbligo e quindi chi non vuole farlo non può essere costretto.

Ma la matematica non è un’opinione.

/// Prima pagina

/// Articoli correlati

Il tuo contenuto è stato inviato correttamente.
Riceverai l'url da condividere dopo la pubblicazione